Degustazione del vino: esame visivo

Il vino riserva straordinarie sorprese al degustatore attento e appassionato. La ricerca dei suoi più reconditi segreti può essere soddisfatta solo attraverso strumenti in grado di carpirne tutte le sfaccettature fatte di colori, sentori e sensazioni tattili che ne rappresentano l'essenza. Ogni vino è diverso dall'altro. La nostra proposta spazia attraverso l'offerta di bicchieri per bianchi, rossi, rosati e spumanti. Lasciati ispirare da una gamma di strumenti utili a cogliere il meglio del vino che ti accingi a degustare. Ecco alcuni spunti per una perfetta degustazione del vino attraverso l'esame visivo.

Degustazione vino: esame visivo

Esame visivo: le regole e i principi per una corretta degustazione del vino

 

L'esame visivo durante la degustazione del vino è il primo passo verso la scoperta delle verità nascoste. Un'attenta analisi del suo colore, della sua brillantezza e del grado di trasparenza è l'approccio essenziale per cominciare a capire il prodotto che abbiamo davanti. Il colore, ovviamente, è ciò che colpisce per primo. Bisogna prestare molta attenzione, però alle sfumature del colore che vai ad analizzare. Tutti, infatti, sanno distinguere un bianco, un rosso ed uno spumante, ma è altrettanto vero che a molti sfuggono le sfumature e le sfaccettature che sono alla base della valutazione del vino.

Vini Bianchi

La degustazione di vini bianchi, spesso, viene considerata tra le più semplici. In realtà, dire che il vino nel bicchiere è un bianco è alquanto limitativo. L'esame visivo, infatti, va oltre l'ovvio e continua ttraverso la ricerca di sfaccettature che parlano della sua età, della sua vinificazione, del terroir e di molto altro ancora. Innanzitutto, il bianco è relativo. I vini bianchi giovani possono spaziare dal giallo paglierino fino ad arrivare al giallo verdolino. La brillantezza, molto cara agli spumanti, si riferisce alla capacità di rifrangere la luce, mentre la trasparenza è l'assenza di sostanze o residui in sospensione nel liquido. Un perfetto bicchiere da degustazione vino ti permette di dare una valutazione precisa e di conseguenza un giudizio corretto. Gli esperti del settore come i sommelier, gli enologi, gli enotecari e gli appassionati si avvalgono di bicchieri realizzati a questo scopo considerandoli alla stregua di veri e propri ferri del mestiere. Per fare un po' di chiarezza sul colore del bianco è bene prendere come riferimento la sua vivacità di colore. Un vino bianco che vira verso tonalità spente quasi ambrate parla di un tempo ormai andato. Tonalità dorate, invece si possono trovare nei passiti e nelle vendemmie tardive in cui il colore caratteristico parla di una precisa vinificazione volta a cogliere le caratteristiche peculiari dell'uva che si presta a questo tipo di lavorazione.


Vini Rossi

Come per vini bianchi anche l'esame visivo dei vini rossi è il lasciapassare verso degustazioni vino attente e coerenti. Il vino rosso, infatti, può presentare tonalità e sfumature che virano verso il rosso rubino, il granato, l'aranciato o il mattone. Esse rappresentano una scala per la valutazione della sua età. Col bicchiere da vino giusto ti divertirai a dare un'età al vino prima ancora di passare all'esame olfattivo e gustativo. Il bicchierevino è il miglior compagno di avventura per sommelier e appassionati che sono alla ricerca dei segreti più reconditi del nettare degli dei. La forma del bicchiere da vino rosso non è realizzata a caso. Ogni tipologia tiene conto della reazione del liquido in funzione della vinificazione, dell'annata e dello stato di conservazione. I calici classici possono andar bene per vini rossi fino a 5 anni. Per degustare vini invecchiati saranno utili bicchieri ampi che permettono una perfetta ossigenazione e riescono a convogliare i profumi verso il naso. Sul nostro sito troverai il meglio dei bicchieri di degustazione vino, realizzati per trarre maggiore soddisfazione dalla tua esperienza enologica.

 

Accessori per la degustazione: i ferri del mestiere del sommelier del vino

 

Ecco alcuni suggerimenti che ti aiuteranno a comprendere la forma e la tipologia di bicchiere che meglio si adatta all'esame visivo del vino.

 

Bicchieri piccoli per vini bianchi ottenuti da:

 

  • Trebbiano
  • Cortese
  • Garganega
  • Bianchetta
  • Riesling

Bicchieri grandi per vini bianchi corposi da uve:

 

  • Chardonnay
  • Pinot
  • Traminer
  • Moscato
  • Sauvignon

Bicchieri piccoli da vino rosso per degustare vini da uve:

 

  • Schiava
  • Dolcetto d'Alba
  • Valpolicella
  • Lambrusco
  • Gamay

 

Bicchieri grandi per vini rossi corposi e longevi ottenuti da:

 

  • Cabernet
  • Nebbiolo
  • Nero d'Avola
  • Syrah
  • Merlot
  • Sangiovese

 

Infine, per la degustazione degli spumanti bisogna fare una distinzione sostanziale. Per poter cogliere le sfumature visive degli champagne e degli altri vini prodotti secondo metodo classico è necessario utilizzare la flute. Questa tipologia di bicchiere consente, infatti, di valutare la consistenza e la persistenza del perlage, sinonimo di vinificazione accurata e minuziosa. Le coppe, invece, sono consigliate per cogliere le caratteristiche organolettiche degli spumanti dolci soprattutto a base di moscato. In questo caso, oltre l'aspetto visivo assume particolare rilevanza la varietà dei profumi fruttati, caratteristica del vitigno.

 

Eventi nazionali e internazionali sul vino

 

Il mondo del vino è un universo a parte che coinvolge un elevato numero di addetti ai lavori. Enologi, sommelier, aziende vitivinicole, enotecari e appassionati amano incontrarsi in fiere e manifestazioni di settore per confrontarsi e approfondire le loro conoscenze. Le fiere come il Vinitaly, il Prowine, il Salone del Gusto, il Cibus sono alcuni degli appuntamenti annuali da non perdere per visionare le ultime novità enologiche e degli accessori che ruotano intorno al vino.

Condividi

Aggiungi un commento