Tassa sui calici in plastica usa e getta

Da Redazione - Categoria : Eventi degustazione

La sostenibilità ambientale è uno dei temi maggiormente discussi negli ultimi anni. Il motivo è sicuramente la raggiunta consapevolezza che il pianeta ha bisogno di respirare. L'eccessivo utilizzo di manufatti in plastica, se da un lato rappresenta la vera praticità nella vita frenetica di tutti i giorni, dall'altro crea seri problemi allo smaltimento degli stessi. I bicchieri in plastica monouso sono diventati il contenitore ideale non solo fuori come in ufficio o nelle manifestazioni pubbliche, ma anche in casa quando non si ha voglia o non si può usare il vetro. Da questo è scaturita la necessità di introdurre la Plastic Tax, ovvero una tassa sull'utilizzo della plastica usa e getta.

I bicchieri in plastica dura sono stoviglie riutilizzabili per un numero quasi infinito di volte con sicurezza. La resistenza e la durabilità sono assicurate dall'impiego di materiali come il policarbonato e il tritan che non si scalfiscono con il continuo utilizzo. Ecco, perché sceglierli al fine di non incorrere nella Tassa sui calici in plastica usa e getta. Essi sono una soluzione non solo ecologica ma anche economica. Il costo dei bicchieri in plastica monouso incide in maniera pesante sul budget dell'evento per la necessità di doverli riacquistare ad ogni occasione. Inoltre, con l'introduzione della Tassa sui calici in plastica usa e getta i costi andranno ad aumentare ulteriormente per il contributo introdotto dallo Stato per adeguarsi alle Direttive della Comunità Europea.

Plastic Tax: cos'è e come funziona


Vediamo ora di approfondire la conoscenza della Plastic Tax che preoccupa soprattutto quanti fino ad ora hanno utilizzato manufatti in plastica usa e getta. L'introduzione di una tassa sull'utilizzo di oggetti realizzati con questo tipo di plastica vuole essere un deterrente per ridurre l'accumulo di rifiuti plastici difficilmente smaltibili. La sua entrata in vigore era prevista per il luglio del 2020 ma con il Decreto Rilancio n° 34 del 2020 è stata posticipata al 1° gennaio 2021. Però, in vista della situazione di emergenza, il rinvio era previsto per il 1° luglio 2021 e ancora, in ultima battuta, con il Decreto Sostegni Bis è stata rimandata la prossimo anno.

La Direttiva della Comunità Europea basata sull'equazione Meno Plastica Monouso - Rifiuti da smaltire, è stata recepita dal poter legislativo nella consapevolezza di adeguarsi a quanto previsto a livello comunitario. Il fine comune degli Stati è quello di contribuire a ridurre l'enorme quantità di plastica presente nell'ecosistema terrestre e marino. Essa causa, infatti, sofferenza all'ambiente causando in molti casi l'estinzione di specie animali e vegetali. Di conseguenza, tutto il sistema va a soffrirne con la perdita di organismi indispensabili allo svolgimento di cicli biologici naturali.

In concreto, si assisterà all'aumento del prezzo dei prodotti contenuti in plastica monouso dovuti alla Plastic Tax che graverà anche sui consumatori oltre che sui produttori. Un classico esempio sono le bottiglie in plastica usa e getta che contengono le bevande conosciute come soft-drink. In molti paesi, già questo provvedimento è stato introdotto e si è assistito ad aumento del costo delle bevande stesse rispetto a prima. Un provvedimento analogo, in Italia è stato introdotto nel 2017 quando sono stati tassati gli shoppers usati per contenere frutta, verdure, prodotti di panificazione, carne e pesce. In pratica, le buste in plastica che prima venivano offerti gratuitamente dagli esercenti adesso sono a carico del consumatore.

Calici plastica: soluzione pratica, economica ed ecologica


A questo punto, molti professionisti specializzati nella mescita di vini e bevande si chiederanno come comportarsi, ma soprattutto quali strumenti usare in sede di manifestazioni ed eventi a tema. Le degustazioni e gli assaggi, infatti, fino a questo momento prevedevano l'utilizzo di bicchieri in plastica monouso.

I nostri calici in plastica riutilizzabili ovviano al problema. I bicchieri plastica dura offrono la garanzia di poter essere utilizzati al posto dei bicchieri in plastica usa e getta offrendo così una mano all'ambiente. I materiali utilizzati per la realizzazione dei bicchieri in plastica dura sono frutto di attenta ricerca e sperimentazione.

Durante gli eventi a tema che prevedono degustazioni vino, assaggi e buffet i calici in plastica dura sono ideali per le loro caratteristiche intrinseche ed estrinseche. Essi, infatti, sono dotati di:

- Resistenza gli urti;
- Perfetta trasparenza necessaria in fase di valutazione delle caratteristiche organolettiche del liquido in esame;
- Facile manutenzione. I bicchieri in plastica dura, infatti, possono essere inseriti anche nelle lavastoviglie professionali senza che la loro brillantezza sia in alcun modo scalfita;
- Economicità. Nel senso che l'investimento iniziale in calici di plastica dura viene ammortizzato dal numero di volte di utilizzo rispetto ai bicchieri in plastica usa e getta che andavano ripetutamente acquistati ad ogni evento.

 

Eventi e manifestazioni green


Da oggi gli eventi e le manifestazioni a tema come Vinitaly, Prowine, Vitigno Italia, Milano Wine Festival e tante altre potranno avere un'impronta green. I calici in plastica dura sono stati pensati al fine di ridurre al minimo l'impatto ambientale e potersi sentire vicini alla natura. La possibilità di personalizzare i bicchieri in plastica riutilizzabili, inoltre, fornisce un ulteriore input verso questa pratica, economica e sostenibile soluzione. Essi saranno i portavoce di un brand consapevole di un consumo sostenibile. In fondo, basta poco per aiutare l'ambiente. Che altro dire?

Articoli in relazione

Condividi