Come si organizza un corso di degustazione vino

Negli ultimi anni, il mondo dell'enogastronomia è diventato molto popolare. Un numero sempre maggiore di appassionati si avvicina al settore del food e del vino grazie anche alla trasmissione di documentari, rubriche e programmi TV incentrati sul tema.

La voglia di scoprire e conoscere i segreti del vino si sta diffondendo ad una rapidità mai vista. Per questo le numerose associazioni che si occupano delle divulgazione della cultura del vino vanno incontro ai professionisti del settore, ai privati, ai ristoratori e agli enotecari organizzando corsi appositi.

I corsi di degustazione vino sono diventati un mezzo per istruirsi o per approfondire le conoscenze sul nettare degli dei. Essi sono l'anello di congiunzione tra le aziende produttrici e il consumatore finale.

L'utilità dei corsi è quella di dare maggiori informazioni realizzando un abbinamento e un consumo consapevole. Noi disponiamo di tutto il materiale necessario per organizzare corsi di avvicinamento al vino. Bicchieri da degustazione in pratiche e sicure valigette porta calici sono indispensabili per essere attrezzati per il corso.

Come si organizza un corso di degustazione vino 


Come si organizza un corso di degustazione: cenni preliminari

 

Il corso di degustazione vino è uno strumento valido per formare nuovi cultori del vino. Un tempo, gli avventori del ristoranti chiedevano vino bianco o rosso.

Più specificatamente, se il menù era a base di pesce chiedevano bianco, al contrario, se era di carne prediligevano il rosso. In realtà, era quasi un luogo comune che con il pesce ci stava il bianco e con la carne il rosso.
Col passare del tempo, ci si è resi conto che gli abbinamenti sono frutto di una precisa tecnica di degustazione che si può apprendere solo frequentando un corso di degustazione vino. Il motivo di questa affermazione è abbastanza semplice: non esiste solo la distinzione tra bianco e rosso.

In realtà, esistono un'infinità di vini che con le loro caratteristiche organolettiche si prestano per l'uno o l'altro menù. Quindi, in tanti si chiedono come si organizza un corso di degustazione vino.

 

Organizzare un corso di degustazione vino vuole dire trasmettere questo.
Intanto, bisogna capire il livello che si vuole raggiungere. Il corso di avvicinamento al vino, per esempio, può comprendere circa 10 lezioni durante le quali si parla in linee generali del vino e dei suoi possibili abbinamenti.
Al contrario, un corso di degustazione vino che rilascia la qualifica professionale può durare pure anni e snodarsi attraverso livelli ben definiti. Tutto dipende da chi organizza il corso.
L'elemento in comune è costituito dalla passione con cui si trasmette l'amore per questa bevanda. La ricerca dei suoi segreti è frutto di analisi visiva, olfattiva e organolettica attraverso bicchieri da degustazione che aiutano a ricercarne l'armonia e l'equilibrio. L'esperienza farà tutto il resto.

 

Come si organizza un corso di degustazione vino: corso di avvicinamento o qualifica

 

Il corso di avvicinamento al vino è organizzato per quanti vogliono capirne di più su questa bevanda dalle mille sfaccettature. Chi si appresta ad organizzare un corso di degustazione vino deve, innanzitutto, porsi un obiettivo attraverso tappe o più, precisamente, incontri. Ai partecipanti dovrà essere fornito il materiale necessario: bicchieri da degustazione in valigette porta calici e dispense per approfondire quanto detto durante l'incontro. Gli incontri, in genere, sono così articolati:

 

- Vite e vino: si parla della vite e dell'uva

- Vinificazione: sistemi di vinificazione per il bianco, il rosso e il rosato

- Affinamento e Invecchiamento

- Nozioni di legislazione vitivinicola

- Cenni di viticoltura regionale

- Degustazione dei vini

 

Il corso di degustazione vino così strutturato permette di ottenere nozioni importanti per cominciare a capire questo meraviglioso mondo. In pochi incontri, si riesce a raggiungere un discreto livello di conoscenza.

Il corso di degustazione vino con qualifica professionale è più strutturato ed offre anche sbocchi lavorativi. Ovviamente, i costi saranno più sostenuti e l'impegno più gravoso. Attraverso questo corso raggiunge un ottimo grado di conoscenza da poter trasmettere anche ad altri. L'associazione che organizza questo tipo di corso fornisce bicchieri da degustazione, valigette porta calici e libri per la didattica che vanno dalle origini fino agli abbinamenti, passante per l'enografia regionale:

I Anno: metodi di vinificazione, servizio, vitigni
II Anno: Enografia Nazionale e Internazionale
III Anno: Abbinamento cibo vino con nozioni di merceologia alimentare.


Corsi degustazione vino: master

 

I master sono dei corsi di degustazione vino di livello avanzato che consentono ai partecipanti di ottenere qualifiche specifiche in relazioni a prodotti ben precisi. Un esempio di master è quello a tema Vini Francesi. In questo caso, si parlerà dell'enologia in Francia con la relativa legislazione in materia. I partecipanti porteranno i bicchieri da degustazione nelle valigette porta calici e l'organizzatore del corso provvedere a fornire il materiale didattico per approfondire le conoscenze. I master possono avere temi sempre più complessi poiché il vino è materia complessa.

 

Come si organizza un corso di degustazione vino alle fiere

 

Le fiere di settore sono una valida opportunità per organizzare corsi sul vino. Per capire come si come si organizza un corso di degustazione vino al Vinitaly, ad esempio, è necessario mettere un punto focale attorno al quale far ruotare la lezione. In genere, sono le aziende che scelgono 3 o più vini di punta e invitano i clienti al loro assaggio.

Condividi

Aggiungi un commento